Finito il Rave nel Viterbese, l’area è stata completamente liberata

Un Mondo Di Servizi Online

Pubblirete Condividi il Contenuto

Dopo 5 giorni di polemiche e scambi di accuse, è arrivato al termine il rave di Mezzano, nel Viterbese. Nel corso della notte infatti sono stati molti i mezzi che hanno lasciato la zona. Le ultime persone rimaste, circa 250, se ne sono andate nel corso della mattinata. “L’area è stata liberata. Non c’è più nessuno all’interno”, ha fatto sapere il sindaco di Valentano, Stefano Bigiotti.

“Non posso che esprimere soddisfazione – ha sottolineato il primo cittadino -. Il ministro Lamorgese, che mercoledì pomeriggio mi ha contattato personalmente, ha mantenuto l’impegno preso di liberare l’area entro oggi. Le operazioni si sono svolte nel massimo rispetto delle persone. Ora sono già al lavoro per rimuovere al più presto i rifiuti lasciati nel terreno”.

Nelle prime ore del mattino, hanno spiegato dalla Questura viterbese, le forze dell’ordine si erano avvicinate al sito del raduno verificando una ridotta presenza in loco: le persone rimaste erano quindi state identificate ed invitate ad allontanarsi. “La pressante attività di mediazione in corso fin dall’inizio dell’evento, unita ad un monitoraggio incessante delle zone di accesso al sito – hanno fatto sapere le forze dell’ordine – ha consentito un allontanamento controllato dei partecipanti all’iniziativa”.

Due ricoverati in grave stato di agitazione Due giovani partecipanti al rave party sono stati ricoverati in stato di agitazione negli ospedali di Pitigliano e di Grosseto. Stando a quanto emerso, i medici stanno cercando di capire la causa clinica delle patologie, anche risalendo, se possibile, a definire l’eventuale ingestione di sostanze alteranti. I due pazienti sono sotto osservazione. A Pitigliano è stata anche ricoverata una giovane per ubriachezza ma poi è stata dimessa in poche ore.

Posti sotto sequestro due furgoni, identificati in 3milaLe forze dell’ordine hanno sequestrato a carico di due cittadini olandesi un furgone con rimorchio contenente materiale acustico e gruppi elettrogeni. Un secondo furgone è stato sequestrato a due italiani bloccati dopo aver tentato di forzare il posto di controllo a uno dei varchi di uscita dell’area. I controlli hanno finora consentito di identificare oltre 3mila soggetti e più di 1.000 automezzi. In corso anche una intensa attività investigativa volta ad accertare la commissione di reati nel corso dell’evento.

Covid, tamponi per gli abitanti della zonaL’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, ha annunciato che “è in corso un coordinamento tra la Asl di Viterbo e i sindaci dei comuni per pianificare un’azione di contact tracing e di tamponi per le popolazioni dei comuni interessati dal rave”. “Proseguirà inoltre il tour dei camper-vax nella zona – ha aggiunto – ed è stato attivato il servizio veterinario per verificare se ci sono animali feriti o morti nella zona del rave”.

“Reduci” a fare il bagno alle Cascate di Saturnia e sul FioraIntanto raduni consistenti di reduci del rave sono segnalati in Toscana a fare il bagno o a prendere il sole alle Cascatelle di acqua calda delle terme di Saturnia e sul fiume Fiora, località nei comuni di Manciano e Pitigliano (Grosseto). Risultano numerosi benché in quantità minima rispetto alle 10.000 persone del picco avuto dal rave a Ferragosto. Altri hanno raggiunto Albinia e hanno preso posto in spiaggia sul tombolo di Giannella.

Pubblirete Condividi il Contenuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *